Hydra – Regolatore semaforico

Hydra

Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, ed inizia un cammino che vanta ad oggi (2015) un parco installato che si attesta sulle duemila unità. I continui sviluppi, che si sono susseguiti nel tempo, rendono oggi Hydra interfacciabile, oltre che col sistema di controllo centralizzato ATC di CTS, anche con i più diffusi sistemi U.T.C.S. europei, quali, ad esempio, SIGMA+/PMFU® di Selex-SE ed UTOPIA/SPOT® di Swarco-Mizar ed in grado di supportare in modo diretto le più moderne sensoristiche quali, ad esempio, i Sensys Wireless Sensors


Hydra viene prodotto in quattro modelli che differiscono per cablaggi ed equipaggiamento. Tutti i modelli sono equipaggiati di base con alimentatore multifunzione, CPU, 2 schede luci (con controllo tensione o tensione/corrente) ed alloggiati in armadio in vetroresina con livello di protezione IP55. Oltre ai modelli elencati, su richiesta, sono possibili anche soluzioni custom.

Hydra - Modelli

ModelloDigital inputsDigital outputsUscite di potenza maxCanali detector max
Lite84248
Base1644016
Plus1646816
Maxi1649616

Overview

Hydra possiede una robusta struttura modulare, realizzata con schede in formato standard eurocard, costituita da:

  • un alimentatore multifunzione
  • un modulo CPU
  • un numero variabile di moduli di potenza (1-12)
  • un numero variabile di moduli detectors(1-2)

Tutto l'hardware di Hydra è stato sviluppato ad hoc per l’applicazione semaforica e le sue componenti sono state ottimizzate per lavorare sinergicamente l’una con l’altra in modo distribuito.
Hydra soddisfa una vasta tipologia di regolazioni semaforiche, che vanno dalla semplice regolazione a tempi fissi fino alla generazione dinamica di piano, passando per microregolazioni comunque complesse.
Hydra supporta l'automatismo di controllo degli eventi®, mediante il quale l'operatore può agevolmente sviluppare attuazioni/azioni (anche eventualmente al di fuori della logica semaforica) mediante l'impiego delle variabili di stato real time del regolatore in espressioni booleane.

Caratteristiche

  • Architettura modulare espandibile
  • Fino a 96 uscite semaforiche (32 gruppi)
  • Moduli di potenza intercambiali senza reimpostazione
  • 16 piani di traffico indipendenti per numero di fasi, temporizzazioni, sequenza di colori e microregolazioni
  • Microregolazioni operanti a livello di fase e a livello di gruppo
  • Selezione oraria con calendario settimanale, mensile e annuale
  • Selezione di piano tramite eventi programmabili dall’utente
  • Gestione ottimizzata del preferenziamento del mezzo pubblico
  • Emissione di SMS di notifica allarmi/warning/eventi
  • Esecuzione di comandi ricevuti via SMS
  • Tracciamento attività nel registro di bordo
  • Archiviazione statistica dei dati di traffico (flussi, velocità, densità)
  • Conformità alla normativa UNI EN12675

Sicurezza

Hydra affronta la problematica della sicurezza mediante un’efficiente architettura ridondante a doppio microprocessore, affiancata da un doppio watchdog hardware, rigorosamente autonomo, in grado di scollegare l’impianto in caso di guasti critici per la sicurezza della circolazione.

Hydra è equipaggiato con schede di potenza L2/L3 (8 uscite di potenza circuitalmente identiche) in grado di disattivare tutte le uscite semaforiche in caso di assenza di attività della CPU.

Avarie rilevabili

  • mancanza parziale di carico (con soglie di intervento impostabili via software)
  • mancanza totale di carico (con discriminazione fra guasti circuitali e guasti esterni)
  • errata attivazione di un’uscita (con discriminazione fra guasti circuitali e guasti esterni)